login
registration

L'Ecomuseo

L'Ecomuseo

L’Ecomuseo

Il progetto Ecomuseo della Val d’Elsa si inserisce nell’ambito del piano di rilancio strategico dei servizi museali delle Terre di Siena promosso dalla Fondazione Musei Senesi, che si pone l’obiettivo di integrare il patrimonio culturale diffuso, materiale e immateriale, i beni conservati nei musei, il patrimonio naturale, le industrie culturali e della conoscenza, le produzioni tipiche, le infrastrutture e gli altri settori produttivi di pregio del territorio.

In seguito alla sperimentazione del progetto, avviata nel territorio della Val di Merse e perfezionata nell’ambito del Chianti senese, si è avviato un simile percorso anche nell’area della Val d’Elsa senese, grazie alla collaborazione dei Comuni di Casole d’Elsa, Colle di Val d’Elsa, Monteriggioni, Poggibonsi e San Gimignano.

Si tratta di un territorio rigoglioso, particolarmente vocato all’agricoltura, caratterizzato da un paesaggio di colline medio-basse intramezzate da valli segnate dal corso del fiume Elsa. Area di confine tra varie giurisdizioni ecclesiastiche e politiche, la Val d’Elsa è stata teatro di numerose guerre e battaglie per il controllo del territorio, che per le sue caratteristiche morfologiche ha avuto sin dall’antichità un importante ruolo di percorso viario. Abitata sin dall’epoca etrusca, nel Medioevo conobbe un periodo di grande prosperità culturale ed economica grazie alla presenza della via Francigena, lungo la quale si insediarono numerosi centri fortificati, borghi, luoghi di sosta ed edifici religiosi. Oggi caratterizzata dalla presenza di un’importante imprenditoria industriale e artigiana, la Val d’Elsa presenta caratteristiche di naturalità, paesaggistiche e di conservazione della biodiversità quanto mai rilevanti.

Per valorizzare forme partecipative di cittadinanza, sono stati coinvolti alcuni attori di primo piano per la valorizzazione del territorio che, grazie al sostegno e alla collaborazione delle amministrazioni comunali, delle associazioni, della comunità locale e di esperti esterni, hanno portato avanti un sostanziale lavoro di ricerca per la redazione di un primo gruppo di circa 200 schede multimediali, al fine di avviare la segnalazione, su supporto elettronico, delle rilevanze patrimoniali (materiali e immateriali) caratterizzanti.

Lo studio ha preso avvio dalla bibliografia esistente e si è esteso attraverso la realizzazione di interviste, la ricerca sulle altre fonti di storia locale (archivi, biblioteche) e la selezione di fotografie, brevi documenti audio e video, scansioni di testi, tabelle e trascrizioni. Tutti i materiali raccolti – riguardanti i luoghi di interesse paesaggistico, i siti archeologici, i beni monumentali, architettonici, storici, antropologici e artistici – sono confluiti in questo portale web, pensato per l’integrazione, la messa in sistema e la georeferenziazione dei dati raccolti.

Ricercatori coinvolti: Giacomo Baldini, MariaNovella Carniani, Federica Casprini, Serena Castignoni, Cristina Cicali, Massimiliano Coviello, Annica Gelli, Alessia Quercioli, Patrizia La Porta, Pietro Meloni, Antonello Mennucci, Silvia Vellini

Coordinamento del gruppo di ricerca: Valentina Lusini

Coordinamento editoriale: Elisa Bruttini, Valentina Lusini

Direzione del progetto: Luigi Di Corato, Elisa Bruttini

Immagini / audio / video: Ramin Afzali, Simone Ancillotti, Barbara Anselmi, Arte Continua Associazione, Arte Continua Galleria, Associazione Aerostatica Toscana, Giacomo Baldini, Roberto Barbetti, Luca Betti, Vittoria Betti, Biblioteca Comunale ‘M. Braccagni’ di Colle di Val d’Elsa, Francesco Bigliazzi, Maurizio Bonora, Bruno Bruchi, Roberto Campigli, Elisabetta Capra, MariaNovella Carniani, CasolEventi, Serena Castignoni, Mario Ciampi, Cristina Cicali, Comitato del Palio di Casole d’Elsa, Comune di Colle di Val d’Elsa, Comunità Religiosa dei Padri Agostiniani di San Gimignano, Simone Conforti, Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, Giulia Contri, CRA-ABP, Rosario Di Francesco, Laura Ejiugwo, Elena Febbraro, Annica Gelli, Kevin Grasso, Giacomo Guglielmucci, Francesco Ianniello, Laboratorio d’Informatica Applicata all’Archeologia dell’Università di Siena, Andrea e Fabio Lensini, Cosetta Lenzi, Valentina Lusini, Mario Maccantelli, Claudia Magrini, Riccardo Martinucci, Pietro Meloni, Michele Mendi, Sonia Mugnaini, Mulino di Foci Hotel, Museo Civico Archeologico e della Collegiata, Francesco Nardi, Mauro Neri Del Nero, Open Art Galleria, Orchestra Bandão, Ordo Militiae Templi Castello della Magione, Roberto Parmiggiani, Enkeleda Patoku, Serena Pucci, Alessia Quercioli, Alessio Sammicheli, Antonio Santacesaria, Roberto Sigismondi, Alessia Spedale, Marco Tabani, Daniele Tangari, Giulia Trentanove, Silvia Vellini, Villa Sabolini Hotel, Villa La Suvera Hotel Relais.

Si ringraziano per il generoso contributo alle ricerche tutte le istituzioni locali coinvolte e i privati cittadini.

In particolare: Alessandra Angeloni, Arcidiocesi di Siena Colle di Val d’Elsa Montalcino, Roberto Barbetti, Biblioteca di San Gimignano, Biblioteca di Colle Val d’Elsa, Biblioteca di Poggibonsi, Franco Carusi, Cavalieri di Santa Fina Associazione, Diego Cavicchioli, Mario Cristiani, Marcello Cristofani della Magione, Comune di Monteriggioni, Diocesi di Volterra, Marta Fontani, Don Mauro Fusi, G&M Architetti, Marcello Guerrini, Jacopo Gusmano, Carlo Maroni, Meris Mezzedimi, Gaddo Michelagnoli, Monteriggioni A.D. 1213, Novellantonio Novelli, con la moglie Silvana e la figlia Grazia, Padre Brian Lowery, Ilaria Pigliafreddo, Laura Ponticelli, Elisabetta Puccioni, Elena Ricci, Rossano Rosati, Yuri Secone, Soprintendenza Beni Architettonici e del Paesaggio, Gianna Tinacci, Stefano Travaglia, Marco Valenti.

 

Un ringraziamento speciale ai docenti, agli studenti e alle studentesse del Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate ITI-LST “Tito Sarrocchi” di Poggibonsi per aver partecipato al progetto di integrazione scuola-lavoro promosso dalla Fondazione Musei Senesi per l’a.s. 2014/2015.

 

Grazie anche a tutte le persone delle quali non conosciamo il nome e che a vario titolo ci hanno agevolato nella ricerca, e a chi ha collaborato al progetto preferendo rimanere nell’anonimato.

 

Il sito ospita al momento solo una piccola parte delle schede multimediali previste dal progetto. I contenuti verranno incrementati progressivamente con il procedere della ricerca.

invia ad un amico Stampa
Esplora la mappa

Alla scoperta della Val D'Elsa